Mandati di addebito diretto SEPA

Nonkululeko Ngoloyi
Nonkululeko Ngoloyi
  • Aggiornato

Per consentire a determinate società di procedere all’addebito sul conto mediante pagamento una tantum o ricorrente, è necessario impostare un mandato di addebito diretto SEPA. In questo modo la società potrà prelevare dal conto. Una volta attivato il mandato, la società può elaborare automaticamente i pagamenti dal conto.

Esistono due tipi di mandati di pagamento:

1. Mandato Business-to-Consumer (B2C): accordo di addebito diretto in euro tra una società e un privato.

2. Mandato Business-to-Business (B2B): accordo di addebito diretto in euro tra due società.

È importante conoscere la differenza tra questi mandati perché gestiscono pagamenti di tipi diversi e prevedono processi di configurazione diversi, spiegati in questo articolo.

Mandati Business-to-Consumer (B2C)

💡 I mandati B2C prevedono un privato e una società.

Quando si stipula un contratto con un esercente, ad esempio una società immobiliare o di servizi pubblici, quest’ultima può disporre transazioni SEPA Direct Debit Core (SDD Core) sul conto. Per abilitare queste transazioni, è necessario restituire al fornitore un documento di mandato B2C firmato.

ℹ️ Il fornitore aggiungerà automaticamente il mandato al conto: non occorre inviarlo a Swan.

Requisiti del modulo di mandato B2C

Il modulo di mandato B2C deve contenere le informazioni seguenti:

1. Titolo e riferimento del mandato: un identificativo unico per tracciare l’accordo finanziario.

2. Debitore: nome completo, indirizzo e informazioni di contatto.

3. Creditore: nome, indirizzo e numero d’identificazione dell'esercente.

4. Coordinate bancarie: numero di conto bancario e codice identificativo della banca (BIC).

5. Tipo di pagamento: frequenza dei pagamenti, ad esempio ricorrenti o una tantum.

6. Data e luogo: quando e dove è stato firmato il modulo di mandato di addebito diretto.

7. Firma: consenso all'addebito diretto.

Group 3844.png

ℹ️ I moduli per i mandati di addebito diretto possono variare a seconda dell’esercente o del Paese. Alcuni mandati possono richiedere di specificare le date di inizio o di fine.

Mandati Business-to-Business (B2B)

💡 I mandati B2B consistono in un accordo di addebito diretto tra due società.<></>

Un mandato B2B consente a un'azienda di prelevare automaticamente dal conto di pagamento di un’altra azienda.

Invio di un mandato B2B

Il mandato B2B può essere inviato dal rappresentante legale della società, un membro autorizzato a disporre i pagamenti.

Per inviare il mandato B2B, scegliere una delle opzioni seguenti:

1. Se possibile, caricarlo direttamente sull'interfaccia Web Banking.

2. Inviare una richiesta all’Assistenza Swan nell’applicazione Web Banking. Assicurarsi di allegare il mandato.

⚠️ Si riceverà una richiesta di conferma del mandato e un avviso una volta attivo.

Requisiti del modulo di mandato B2B

Il modulo di mandato B2B deve contenere le informazioni seguenti:

1. Titolo: il modulo deve specificare un mandato di addebito diretto business-to-business.

2. Riferimento del mandato: un identificativo unico per tracciare l’accordo finanziario.

3. Debitore: ragione o denominazione sociale, indirizzo della sede legale, numero di registrazione e dati aziendali pertinenti.

4. Coordinate bancarie: numero di conto bancario e codice identificativo della banca (BIC).

5. Creditore: nome, indirizzo e numero d’identificazione dell’esercente.

6. Tipo di pagamento: frequenza dei pagamenti, ad esempio ricorrenti o una tantum.

7. Data e luogo: quando e dove è stato firmato il modulo di mandato di addebito diretto.

8. Firma: consenso all'addebito diretto.

Group 3845.png

In caso di problemi relativi ai mandati di addebito diretto SEPA, invii una richiesta al nostro team di assistenza.

 

Questo articolo ti è stato utile?

Utenti che ritengono sia utile: 0 su 0

Altre domande? Invia una richiesta